lunedì 28 luglio 2008

uitvorend technisch medewerker

in casa mi trovo proprio bene, a parte che praticamente non posso usare il pc..
la qual cosa in questo momento mi e' vitale perche' sto cercando casa.
per fortuna un amico italiano dei miei due coinquilini mi sta facendo usare il suo pc ora, a casa sua, che e' bellissima.

a parte questo dicevo, il posto e' molto carino, ci sono i parchi principali di amsterdam qui' vicino, pieno di negozietti, tranquillo insomma..

il lavoro come cameriere e' bello, quando sono finalmente riuscito a procurarmi il sofi number, che e' un codice necessario per fare qualunque cosa qui' in olanda, sono andato al ristorante davanti alla stazione, li' il capo mi ha detto che va bene, ero assunto e il giorno dopo alle 4 avrei iniziato a lavorare nell'altro ristorante, nel frattempo ho conosciuto altri due italiani, 3 in realta', i primi due sono siciliani, l'altro di salerno, quest'ultimo non faceva altro che fumare, l'hanno sbattuto fuori dall'ostello, e pur avendo i soldi per pagarsene un altro, li ha spesi in maniere diversamente abili.

i primi due siciliani sono angelo e peppe, barista e lavapiatti.
angelo vive qui' da un po', peppe da poco, parlando del piu' e del meno ci e' venuta l'idea di affittare un bell'appartamento appena fuori citta' e dividere le spese, grandiosa idea, peccato che conoscendo meglio angelo mi e' venuto a odio e quindi niente appartamento in 3.
ne sto cercando uno per me, da solo, gratis.
nci mettero' un po' a trovarlo credo..
ma in fondo in casa sto benissimo ora
dico ora perche' qualche giorno fa ho fatto un paio di casini, nello specifico ho fatto la lavatrice a 95 gradi, quindi e' saltato tutto l'impianto.
dopo averlo riattaccato ci siamo accorti che non andava piu' lo scaldabagno..
prova e riprova, non va..
paolo, diciamo il proprietario di casa, tornando a casa dal lavoro, lavapiatti, era di cattivo umore, quindi inizio' ad urlare in una maniera che a me suscita piu' ilarita' che paura, perche' non mi urlava contro, andava in altre stanze a lamentarsi col muro..
vabbe', dopo aver rotto lo scaldabagno, non contento ne' pago, ho fatto dormire a casa mia il ragazzo senza soldi per l'ostello, ma con i soldi per la droga, la mattina dopo mi sono raccomandato con lui di sgattaiolare fuori senza farsi vedere, ma evidentemente era ancora troppo fatto per riuscirci, l'hanno visto e paolo ha ricominciato ad urlare contro il muro, pensavo mi sbattessere fuori, invece no..
solo perche' hanno bisogno di soldi, e perche' vado a comprargli le sigarette..

alla fine si e' risolto tutto, il tecnico del boiler e' venuto, non ha fatto nulla, e tutto e' ricominciato a girare, non ha fatto pagare, quindi tutto alla grande.

il lavoro e' proprio carino, nella via piu' vecchia di amsterdam, affianco il red disctrict, Warmoesstraat.
sono praticamente 2 ristoranti in uno, a sinistra l´argentino, a destra l´italiano.

i colleghi sono simpatici, tranne il capo che é uno stronzo, infatti sono stato licenziato perché l´ho mandato affanculo.. vabbé.
ho mangiato gratis per due giorni e ho raccattato 100€.
nel frattempo ho trovato un altro lavoro, uitvorend technisch medewerker.
che vuol praticamente dire lavoratore..
nello speciico levio il marmo negli hotel megalusso, o nelle vecchie chiese, o nei superistoranti, oppure come oggi, al teatro dell´opera.

piú che altro giriamo, rotterdam é la meta piú gettonata.

stipendio sicuro, lavoro costante, semplice.
esattamente ció che non voglio.

ho giá l´aggancio per lavorare nella serra piú grande del mondo, che é poco a sud di Amsterdam.

quindi non respireró ancora per molto polvere di marmi lussuosi..
lavoro con un tipo pazzo..
macchina della ditta, telefono della ditta, divisa da lavoro, schiacciatina a mezzogiorno, non fa mica per me.

ho conosciuto deli italiani e volevamo prendere una casa in tre,peró uno dei due con cui dovevo prenderla mi sta sul cazzo, quindi pensavo di mollare il colpo, ma ha scoperto che esiste un ufficio nella stessa cittá dove ho fatto il sofi number al quale ci si puó registrare per avere la casa popolare, peró quí funziona, sia la casa, sia il servizio.

quindi mi faccio dire dov´é l´ufficio e poi ciao ciao

sabato 19 luglio 2008

scomparsa multipla f g

la notte che sono arrivato ero indeciso se passarla in aereoporto o perstrada, poi ha iniyiato a piovere, quindi non potevo piú dormire all´aperto.
decisi di non dormire, e u una pessima scelta, ora lo so con sicurezza.

girando a caso questa bellissima cittá ho incontrato molta gente, come un vecchino barbone che tentava di convincermi ad aiutarlo a sfondare lo secchietto di una macchina per entrarci a dormire, perché uori aveva freddo e c´era troppa umiditá..

alla fine l´aver trovato l´ostello mi ha dato il riposo necessario a vivere bene questo bel peyyo di mondo.

allora ho sfoderato la mia arma segreta, la faccia come il culo.

ho iniziato a chiedere a chiunque se conoscesse qualcuno che aveva un appartamento o una stanza a basso prezzo o cose cosí..
quello che ho ottenuto é stato l´aggancio per vedere tre bellissimi appartamenti in centro, in un condominio di uno chiamato Ashraf, i tre appartamenti erano piú o meno uguali tra loro, tranne quello all´ultimo piano, che era quasi il doppio e con la jacuzi, ebbene, affittava tutti e tre li appartamenti allo stesso prezzo: 1500€, il ché é una cazzata, perché i primi 2 non li valgonoe il 3° ne vale molti di piú.
appurato che 1500 sono troppi per me, ho trovato un altro aggancio per una stanza a 300 euro da un certo gabi.
all´appuntamento non si presenta, e non risponde al telefono, dopo tipo 3 ore mi chiama lui dicendo che aveva avuto da fare, vabbé, vado all´appuntamento e trovo questo pappone anni 80 con annessa brillantina nei capelli, Rumeno.

dice che é vicino e di prendere il taxi, ma io non ho i soldi per pagare, quindi paa lui.
all´appuntamento c´é anche un suo amico, sempre rumeno, anche lui si chiama gabi.

parlano pen poco inglese, ed entrambi male, il secondo peggio del primo peró.
mi anno vedere questa microstanza in un appartamento di una famiglia di colore, con la mamma grassisima e migliaia di figli in giro,la casa é bella, peró ci sono troppi bambini.. poi la stanza é minuscola e i miei due agganci vogliono 300€ come commessa per avermi dato il contatto.

ci penseró.

mi fanno la cortese gentilezza di offrirsi per riportarmi in centro, visto che eravamo a 3 fermate di metropolitana (che non funzionerá per un pó per dei lavori).
mentre chiamano al telefono il primo gabi, il secondo, senza farsi vedere dal primo, mi da il suo numero di telefono, dicendo di chiamare lui e non l´altro, perché altrimenti avrebbe dovuto dividere con lui la commessa. amicizia fraterna.

arrivano un ragazzo con una ragazza, e tutti insieme saliamo su questa mercedes scassatissima per tornare in centro.
guidando si parla del piú e del meno e scopro che l´autista é un rapinatore, la ragazza si prostituisce, e i due gabi spacciano, evviva.
parlando del piú e delmeno limetto a conoscenza del atto che in Italia sono tutti molto razzisti riuardo ai Romeni, Albanesi, in generale li est europei o quelli di colore, e vengo a conoscenyadel atto che loro non ne sapevano niente..

mi lasciano in piazza Dam, che si puó dire sia il centro, anche se non c´é un vero centro quí.. un po´ éla stazione, un po´ piazza dam..
diciamo che la cerchia piú centrale deinavili puó essere chiamata centro..

i coffee shop sono un po´ ovunque, e anche i bordelli, ormai il red discrit si é espanso, in un modo strano peró, perché le frange piú conservatrici vorrebbero trasormarlo in un quartiere alla moda, quindi ora c´é questo incrocio strano di vetrina rossa, vetrina con robaccia alla moda, vetrina rossa, ristorante, ostello, vetrina rossa.. boh.

alla fine vicino all´ostelo ho trovato un ristorante italiano, cercavano un cameriere, eccolo.
solo che per lavorare quaggiú serve il sofi number, fino ad allora, sono in vacanza forzata.. peró il cameriere che giá lavora lí conosce un suo amico molto serio che cerca uno per occupare una stanza del suo appartamento in subaffitto, eccolo.
dopo 2 giorni all´ostello vado a casa di questo mr Paolo..
il cameriere é un cretino, non capisco come faccia a portare avanti il locale..
non riesce a parlare praticamente..
come cameriere peró é bravo..
boh

arriviamo col tram alla casa.
la fermata del tram é Marcopolostaat, casa mia é in Vespuccistraat, numero 46, secondo piano, il citofono é quello della 2° colonna da sinistra, il 2°dall´alto, o dal basso, quello in mezzo insomma, la casa é piena di italiani, mail nome sul citofono é qualcosa tipo Adubes Rafat, ma potrebbe essere diverso..
comnque non si usa perché se qualcuno lo suona il cane inizia ad abbaiare e tutti in casa diventano nervosi perché nessuno suona mai il citofono..

vivo con due vecchini hippy, uno é organizzatore di sistemi, questo computer infatti é suo, ma non mi fideréi a dargli un computer..
l´altro non so che lavoro faccia, credo semplicemente spacci..
anche se non ha molto successo, visto che deve dei soldi all´altro e questa sera é andato a lavorare come lavapiatti..
entrambi hanno i denti marci per motivi che credo siano ovvi, e sono vegetariani.

la sera che sono arrivato in ció che sarebbe diventata camera mia, era giá occupata da un ragazzo tetesco, sotto effetto di psicofarmaci..
insomma,a prima vista non é una casa molto sicura..

ma ormai ci sono da 5 giorni ed ho capito che tra panetti di fumo, piantine di marihuana e altre droge,tutto va bene.

ciao mamma!

giovedì 17 luglio 2008

you know man!?

ed eccomi quí..
con un computer non mio scrivo questo post senza le due lettere dopo la lettera trattata nel testo di Perec, ranco, spiea questo enima.

non si puó certo chiamare amore a prima vista.
ho odiato questo posto per le prime 30 ore.
perché non avevo un posto dove dormire, e pioveva, ma pioveva come non ho mai visto.

ho odiato questa cittá e il suo tempo, e i suoi canali e le sue puttane e tutti i posti dove respirare janja.
e le persone che mi addocchiavano strano

tutto mi era odioso.

poi é arrivato il sole
e la janja
amsterdam é e sará eternamente zuppa di questo odore indimenticabile.

poi ho trovato un stello in cui stare
e poi un lavoro del quale lamentarmi
e poi una casa nella quale riposare

ora sono completo
casa
cibo
lavoro

amsterdam orami piace.
anzi la amo
é bellissima

ora devo uscire con i padroni di casa, 2 hippie stonatissimi.
in casa con me c´é un cane e tre simpatiche piantine di janja.

ciao mamma!

e ora vado in un locale, dicevo, a provare questo MDMA di cui mi parlano tanto,ciao David! salutami Beth

Cerca nel blog

sponsor ufficiosi