domenica 17 febbraio 2008

allora, le ultime serate sono state bellissime, l'altro ieri, il 15, siamo andati a casa del fotografo, che abita in un posto bellissimo, e ora capirete perchè.

ma prima, vi parlo del 15 giorno, ci siamo alzati presto, con l'idea di passare tutta la mattina al palazzo reale, ma alla fine siamo andati nella zona dove c'è l'ostello, Asakusa, perchè c'è una via lunghissima, solo di negozi di attrezzi da cucina, tipo 4 volte buenos aires, ma solo coltelli, bacchette, portabacchette, piatti, tazze e tutte quelle robe lì, dopo un po' ci siamo rotti, quindi ce ne siamo andati, torneremo però, perchè sto facendo un pensierino sui coltelli di ceramica, non fanno ossidare il cibo, in pratica se ci tagli una mela, non diventa nera, mai, figata! mi sembra alquanto improbabile funzioni veramente ma, non costano tantissimo, meno che in italia di sicuro.
qui si aggirano sulle 5000Y, 30€, laggiù, sui 200€..
comunque, dopo la via degli utensili, nella quale ho fatto questa foto:

dopodichè siamo andati in uno dei 3 onsen naturali di tokyo, gli onsen sono com delle terme, ma ci si deve lavare PRIMA d'entrare in acqua, che è a minimo 45°, massimo 55°, in giappone sono una tradizione, molti ci vanno giornalmente, anche perchè il costo per entrare è solitamente sui 400Y, 3€..
bè, l'onsen naturale di Asakusa, fa cacare. più che altro i cessi puzzavano da far schifo, alla fine è solo questo, e il fatto che nella vasca a 55°, galleggiavano scaglie di pelle.. è un onsen principalmente frequentato da vecchi..
onsen vero e proprio è bellino, fatto a semicerchio, tutto piastrellato a mosaico, ma la puzza del cesso ha rovinato tutto.
vabbè, dopo questo saremmo dovuti andare al palazzo reale, ma la via degli utensili ci ha preso troppo tempo, decidiamo quindi d'andare a vedere Tokyo dall'alto, quello che abita in casa con noi ci ha detto di un grattacelo con un bar, a entrata libera, dal quale si può vedere la città a 360°, è al 45 piano di un hotel ed è il bar di "lost in traslation", solo che non l'abbiamo trovato, o meglio, abbiamo trovato 3 grattacieli, uno col nome che diceva Giuseppe(il coinquilino), che arriva solo fino al 17 piano, anche se l'ultimo piano ha l'altezza di 5 piani, gli altri 2 avevano entrambi 45 piani, ma oltre il 17 non ti fanno salire senza tesserino, quindi non sappiamo tutt'ora dov'è quel bar, se qualcuno lo sa, faccia un fischio, grazie.

dopo questo andiamo a gironzolare per Akihabara, perchè Olly si vuole comprare una chitarra, dopo un po' ci chiama stefano e andiamo a casa sua, per arrivarci, bisogna scendere alla fermata di Harajuku, della JR -- Yamanote Line, e poi camminare per tutta Harajuku dori, chè è una lunghissima senigallia ma con anche negozi di moda seri e ristoranti (sono quasi sicuro che in ogni via di Tokyo debbano esserci almeno 2 ristoranti, possibilmente vicini.), e negozi di cd e love hotel, e guest house e qualunque altra cosa esista, ma più incasinato.
pubblicheremo foto..
tra l'altro non so se vi ho detto che delle sere fa, mentre andavamo a casa di stefano, ha iniziato a nevicare e poi a piovere e poi a nevicare, più forte però, non avevo mai visto la pioggia DIVENTARE neve! bellissimo. non per i nostri vestiti stesi, ma bellissimo.

mi perdo sempre in discorsi a caso, ma sono fatto così, apro mille parentesi e faccio durare i discorsi ore..

arrivati a casa di stefano parliamo un po' con lui e quello che abita con lui, un inglese, che vive qui da 5 anni, e non parla giapponese, insegna inglese e gioca ai videogiochi, basta, non fa altro. contento lui..
poi usciamo e ci dirigiamo a piedi verso un ristorante che conosce, andandoci però, ci fa vedere una via tipo buenos aires, ma molto più larga e con solo grattacieli, io non sono mai stato un tipo da shopping, ma cazzo! centinaia di outlet di roba usata! hangar di vintage! è troppo! devo tornare e spendere tutto! ho già trovato delle magliette bellissime, e non ho praticamente girato per nulla! quella zona è un paradiso, se hai soldi, che non ho, ma spenderò comunque. crepi l'avarizia. mangerò pane e cipolle per un po', se non trovo lavoro, che però forse ho già trovato..
insomma, quela zona è bellissima. peccato non sia per un cazzo tipica e non ci siano, come quì, prestinai e fruttivendoli economici e con roba buona, quì ho il pane fatto in casa tutti i giorni, tutto il giorno, fanno 4 sfornate al giorno, la mattina, la mattina tardi, a mezzogiorno, e il pomeriggio..bellissimo. peccato riempino le brioches, che non credo si scriva così, solo di budino..
comunwue la sua zona è bella e ci andrò a vivere appena se ne va lui.
arriviamo nella zona del ristorante, stefano si perde un paio di volte e alla fine lo troviamo, a fianco perà, c'è un locale dove vuole fare l'aperitivo, entriamo, e per la prima volta, mi sento a casa, l'unico posto in cui ho visto giapponesi ridere ad alta voce fino a cadere dalla sedia, urlare da una parte all'altra, tutti attaccati in minuscole sedie davanti a minuscoli tavoli, tutti attaccati in giro per il locale, un'osteria! un'osteria a Tokyo!
alla grande, siccome stefano è appena riuscito a vendere un lavoro per vogue, offre da bere, quindi giù di birra, purtroppo non sapporo, e stuzzichini, ordina i piatti che vede in giro, e ad un certo punto cerca anche di proporci di restare a mangiare lì, ma io non voglio mangiare in un osteria, non oggi almeno, voglio il sushi!
allora usciamo e andiamo nell'altro locale, pieno, ci fanno aspettare, fuori, al gelo..
ma per fortuna si libera presto, entriamo e c'è un menù con le foto, loro prendono un paio di assaggi, io provo tutto ciò che non avevo ancora provato, ora, il problema è che iniziamo a bere sakè, molto sakè, quindi non mi ricordo più com'era il sushi! ci torneremo. 3000Y a testa, spesi benissimo devo dire, dopo questo è ormai mezzanotte passata, stefano va a casa con la metrò, noi andiamo a ropponghi a piedi, è molto lontano da ropponghi, e vi arriviamo alle 2, andiamo al pub di SA-HOO, il turco ciccione, ma è chiuso, mentre siamo lì, inecisi sul da farsi, passa il barista, che evidentemente abita sopra al pub, ci informa che ha chiuso all'1 e che il suo capo è in ospedale per un'operazione, cosa che sapevamo ma speravo fosse già uscito..

vabbè, allora andiamo dal giappo-toscanaccio ad aspettare il mercato del sushi, parliamo un po', faccio un video mentre mi spillo, male, una birra, e poi usciamo alle 4, sperando d'arrivare al mercato entro mezz'ora, arriviamo assieme ai pescatori per fortuna e quindi iniziamo a girare, praticamente è uno stadio, di pesce, niente di chè però secondo me.. se vai vicino stazione centrale la mattina secondo me ti diverti di più, riusciamo a entrare in una zona chiusa al pubblico, l'asta del tonno, un hangar, completamente pieno di tonnoni stesi sui bancali e centinaia di giapponesi che li tastano e ne guardano le budella, ci sediamo su dei palchetti, vicino a dei vecchietti, che ci chiedono di dove siamo, scoperta l'italonazionalità sembrano contenti, da allora guardiamo solo tutti i giappo che guardano i tonni, dopo un po' inizia l'asta, praticamente quelli che sono sul banchetto sono gli acquirenti possibili, il banditore reppa le cifre delle offerte e, 14 secondi dopo, è tutto finito..
questo si ripete all'infinito, su tutti i palchetti e in mezzo al salone, una volta aggiudicato il tonno, il banditore e tutti i compratori si spostano, mentre qualche altro banditore, da qualche altra parte, sta urlando qualcosa.
ora, evidentemente il vecchietto compiaciuto del mio essere italiano, era un pezzo grosso, perchè appena l'asta che gli interessava è finita, con la sua vincita, e dopo la sua dipartita, un tizio è salito sul palchetto, ha preso Olly per un braccio, e l'ha spinto via, urlandogli che non potevamo stare lì.
Olly gli ha giustamente gridato in giapponese chi cazzo si credeva di essere e poi l'unico insulto che esiste in giapponese, baka!(stupido..), allora questo se ne è stato zitto, abbiamo comunque preferito andarcene perchè se ne arrivavano altri a strattonare sia me che lui, non sarebbe finita bene, vero ale? CIAP!

usciti dall'asta del tonno, non c'è più molto da fare, noto però che ai lati del mercato, sul molo in riva all'oceano, ci sono moltissimi di quei mezzi che usano i venditori per spostarsi nel mercato, delle morticette tipo muletto, ma senza corna e solo con un vano dietro per i bancali di pesce, salgo su uno e tento di farlo partire, parte, guardo olly, che si rifiuta di salire e part per il MIO mercato del sushi, dopo un po' che gironzolo con quest'affare, con la sciarpa alzata, un o' per il freddo, un po' per non destare sospetti, torno al punto di partenza, ma Olly non c'è.
allora giro per il mercato, finchè, non so come, lo ritrovo, questa volta sale e ce la giriamo asieme, facendone un video, tra io che rido e Olly che urla di guardare la strada e non in camera, dopo un po' interrompiamo il video e riporto l'aggeggio dove l'ho trovato, dei tizi seduti lì vicino, vedendoci arrivare ci guardano e urlano qualcosa tipo, ehi! allora lo parcheggio un po' più in là di loro e convinco Olly a correre altrove, ma loro non ci seguono, non so nemmeno se il mezzo fosse loro o fossero semplicemente sorpresi dal vedere me alla guida..
dopo questo andiamo a fare colazione, a base di sushi, niente d chè onestamente..
torniamo a casa, carichi da un bel granchione, una patella enorme e due altri molluschi a me sconosciuti.
mettiamo tutto in frizzer e andiamo a letto.

questo post è veramente lungo..
quindi lo spezzo quì

7 commenti:

ale ha detto...

commento qua anche se nn centra..belle le foto postate il 15..vuoi farci credere che tutti i piattini di sushi che hai davanti li hai mangiati tutti tu?!

belle anche le foto della festa nel locale..quelli tutti sotto e voi di sopra cn il boss..

Mauro ha detto...

sì, il sushi l'ho mangiato io e solo io, ma migliorerò il record!

la festa è stata proprio carina, ottima musica.

ora posto la festa di ieri invece, anzi, a questo punto, l'altro ieri..

ale ha detto...

ora è completa,bella serata davvero..poi mi faccio 4risate guardando il video sul muletto..gia rido xke ti conosco!!
avete fatto bene ad evitare la rissa,ma da come l'hai descritto era 1 posto 1 po affollato x prendersi 1 coltellata..anche se magari poi vi davano in pasto ai pesci!

Mauro ha detto...

era affollato, di giappi, scaricatori di porto, una ciapponata l'avremmo anche potuta prendere, ma non ne valeva la pena..
il video non so se riesco a pubblicarlo perchè è molto lungo, quì la linea cade spesso..

ale ha detto...

va bhe lo vedrò prima o poi!
io giusto x informazione sono andato a sciare sabato sera e mi sn spaccato tutto!!
mi è uscita la spalla e devo stare fasciato x 10gg pure alla caviglia!

questa è 1 cosa che mio cuggino potrà dire..

Mauro ha detto...

che ti sei fatto!?
ma come cavolo hai fatto?

ale ha detto...

mi sono spaccato tutto cn lo slittino contro la barriera di neve..ghiacciata!
ero in svizzera a -12gradi..

Cerca nel blog

sponsor ufficiosi